Lago di Varese: i cormorani pagano per tutti.

In questi giorni si è dato il via libera all’abbattimento dei cormorani sul Lago di Varese: sono accusati di essere troppi e per giunta ingordi di pesce, a discapito delle specie autoctone e provocando il malumore dei pescatori.

Non è la prima volta che viene autorizzato l’abbattimento di cormorani sul lago varesino: come accade da alcuni anni a questa parte,  il cormorano viene additato come colpevole della diminuzione di pesce nelle acque varesine.

Ma in questo modo viene solo fatto slittare l’asse del discorso: se è vero che il cormorano si alimenta di pesce per sopravvivere, è altrettanto vero che non è imputabile a lui la diminuzione della nostra fauna ittica.

Le cause vanno ricercate in altre direzioni: in particolare, la valorizzazione e salvaguardia del patrimonio ittico deve essere perseguita con miglioramenti ambientali e non con l’uccisione di fauna protetta.

Il punto però è un altro: le vere urgenze del Lago di Varese, e in generale dei nostri bacini idrici, sono ben altre.

  • Il persistere dell’inquinamento, con scarichi fognari diretti nelle acque del lago e la presenza di scarichi abusivi
  • una cementificazione indiscriminata delle rive, con molte abitazioni e passeggiate che sorgono a ridosso delle sponde, tali da compromettere l’habitat adatto alla riproduzione ittica
  • la costruzione di chiuse e invasi artificiali che impediscono gli spostamenti a scopo riproduttivo di molte specie ittiche
  • l’eliminazione dei canneti e di gran parte della vegetazione acquatica
  • i prelievi eccessivi di acqua e forzato basso livello cui è stato a lungo sottoposto il Lago di Varese, per evitare allagamenti nelle abitazioni costruite troppo vicine alle rive
  • l’immissione di fauna ittica proveniente alloctona
  • le escavazioni in alveo

Queste sono alcune delle cause reali che hanno portato a uno squilibrio ambientale e a una conseguente riduzione del pescato.

Il cormorano è una specie autoctona

Si dimentica poi che il cormorano è una specie autoctona, a valenza naturalistica positiva, ed è indicato dalla Legge 157 quale specie protetta oltre ad essere tutelato dalla Convenzione di Berna ed incluso a tutt’oggi tra gli uccelli nidificanti della “Lista rossa” dei Vertebrati italiani che comprende le specie meritevoli di salvaguardia.

Articolo creato 45

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: