Eurobirdwatch 2018: osservati oltre 5 milioni di uccelli

Sono più di 5 milioni gli uccelli osservati in tutta Europa, di cui 30mila in Italia. Questi i numeri che arrivano dal weekend del 6 e 7 ottobre, durante il quale si è svolto l’Eurobirdwatch, il principale evento dedicato al mondo del birdwatching e organizzato da BirdLife International.

La Lipu, partner italiano di BirdLife, ha organizzato il “Big Day” in quasi 40 tra oasi e riserve e altri siti ornitologici in giro per l’Italia. Con quasi 30mila uccelli osservati, la Lipu ha potuto salutare la migrazione autunnale degli uccelli, diretta verso il sud dell’Europa e l’Africa per lo svernamento.

Tante le rarità osservate: uno smeriglio, il più piccolo dei rapaci europei, in Italia visibile di passo e soprattutto come svernante, all’Oasi di Casacalenda, in Molise; una casarca, oca che nidifica nelle regioni dell’Asia centrale, alla Riserva regionale Lago di Tarsia, in Calabria; una passera lagia, specie nidificante nelle Alpi occidentali e nel Centro-sud, al Lago di Guardialfiera, in Molise; e tre esemplari della rara anatra marmorizzata al Biviere di Gela, in Sicilia.

Inoltre le tre specie più viste nel nostro paese sono state lo storno (quasi 10mila esemplari), il gabbiano reale (oltre 2.700) e il germano reale(oltre 2.500).

Oltre a questi, da segnalare altri avvistamenti come una balia nera (oasi Pantanello, nel Lazio, e Riserva di Torrile, in Emilia-Romagna), la berta minore, l’albastrello e la calandrella (Riserva Saline di Priolo, Sicilia), l’albanella reale (Biviere Gela, Sicilia, e Bosco del Vignolo, in Lombardia), il forapaglie comune (Colfiorito), l’edredone (Riserva della Sentina, Marche), l’averla maggiore (Mellano, Cuneo) e due esemplari di quaglia all’Oasi Lipu Castel di Guido (Roma).

La Lipu ha organizzato quattro gare di birdwatching, cui hanno partecipato gruppi formati da staff, volontari e partecipanti.

La giuria, composta dal Gruppo Eurobirdwatch della Lipu, ha assegnato due riconoscimenti speciali: il primo al gruppo di Niscemi, per il ricco evento legato al progetto Life Choose Nature (Choona); il secondo al “al one-man-group” Luca Mamprin, responsabile della Riserva naturale Ca’ Roman a Venezia, per aver conservato l’evento di Ca’ Roman, disturbato dalla pioggia, svolgendolo in solitaria come in un vero Big day americano.

 A tutti i vincitori sono stati assegnati libri sulla natura: Il genio degli uccelli, di Jennifer Ackerman, e Piume. L’evoluzione di un miracolo della natura, di Thor Hanson.

E’ stato uno splendido weekend, che il maltempo ha limitato ma non è riuscito a fermare – spiega Danilo Selvaggi, direttore generale della Lipu – In tutta Italia, esperti ornitologi ma anche giovani agli esordi e semplici appassionati hanno creato una simbolica rete di birdwatching con altre migliaia di cittadini europei e dato un messaggio di pace e conoscenza, in un periodo segnato da gravissimi atti di caccia illegale e abbattimenti di splendidi uccelli  migratori. La legalità ambientale si afferma anche così: con la partecipazione bella ed attiva della gente”.

Articolo creato 46

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: